giovedì 15 maggio 2014

Le femmine sono la rovina dell'Italia e del mondo. E il computer pure


Conversazione tra due vecchietti di Bagheria mentre giocano a briscola su una panchina all'interno di qualche centro d'aggregazione senile all'aria aperta come piazze o assembramenti di panchine.

- Le femmine sono peggio dei maschi...
- ...
Le femmine sono la rovina dell'Italia...
- ...
- ...e del mondo!
- ...
- ...e pure il computer! Il computer è la rovina dell'Italia...e del mondo!
- ...
- ...
- ...ma che è successo?
- Che è successo?
- Si.
- Hai presente mia nipote? ...la figlia di Mariuccia, la mia figlia più grande?
- Si. A picciridda.
- A picciridda! 12 anni! E' 'na picciridda!
- Certo.
- ...mia figlia l'ha trovata davanti al computer....
- ...
- ..che si stava toccando...lì sotto...
- ....?
- ...lì sotto...lì in mezzo!
- ...ah!
- Si toccava e scriveva col computer a uno del Continente.
- ...
- A uno grande!
- A picciridda?
- A picciridda! 12 anni! 
- E che ha fatto tua figlia?
- L'ha presa a legnate e le ha tolto il computer, poi ha chiamato suo cognato che è ingegnere informatico che ha visto nel computer che à picciridda stava scrivendo a uno del Continente...Mantova! Uno di quarant'anni! E ha trovato pure le foto di mia nipote, à picciridda, 12 anni...nuda, tutta nuda...gliele mandava a questo di Mantova...
- ...
- Mio genero voleva salire a Mantova e fracchiarlo a legnate.
- ...
- Ma poi non l'ha fatto. Il biglietto costava troppo e poi suo fratello l'ingegnere gli ha detto che se lo fracchiava a legnate si poteva beccare una bella denuncia...e che per legge non poteva farci niente, perchè sua figlia aveva dichiarato al computer che era maggiorenne...
- Ah.
- Ora c'è mia figlia Mariuccia che si prende le gocce, mio genero che non dorme più, mia nipote à picciridda che piange sempre...
- ...
- ...
- ...le femmine...
- ...sono la rovina...
- E il computer...
- ...pure...

NOTE

1) APRILE 2014. Ivrea, mette online un video hard con l'ex fidanzata. Finisce su YouPorn. 20mila visualizzazioni (Si24). MARZO 2014, Palermo. Rissa ai giardini inglesi, picchiato presunto autore di filmini hard minorenni (Repubblica). Video hard di ragazzine diffusi su Whatsapp, indagini nelle scuole (Repubblica). Lucignolo, video shock studentesse Palermo (BlogSicilia). "Se l'avessero fatto a mia sorella l'avrei ammazzati" (Si24). FEBBRAIO 2014, Castelbuono (Pa). Un 30enne, "figlio di una famiglia molto rispettata in paese", diffonde su internet centinaia di foto ritoccate in versione hard di compaesane. Il movente: la vendetta. Leggi la vicenda qui, qui e qui. GENNAIO 2014, Bari, minorenne diffonde su What'app foto di una ragazza 15enne. (Repubblica), 2014, sei ragazzi su dieci si scambiano foto hard su internet (Repubblica).

2) Aggiornamento 20 maggio. Adescava minori su Fb fingendosi un adolescente, condannato 40enne di Pesaro (BlogSicilia).

3) Il 22 maggio esce Cam Girl, un film di Mirca Viola, che racconta di cybersesso e di ragazze che si vendono online. Guarda le foto su SkyCinema. 

5 commenti:

  1. fracchiare madre e padre per l'ottima educazione impartita?
    gd

    RispondiElimina
  2. Mmm qui si apre un bel discorso:

    1 - Mettiamo che i genitori sono analfabeti informatici totali e non hanno idea di cosa siano le tecnologie di comunicazione mediate dal computere...
    2 - Mettiamo che la ragazza, nel pieno della pubertà, trova quest'occasione di sfogo/espressione della propria neonata sensualità...
    3 - Poniamo per ipotesi che allacciare un rapporto a distanza, in chat, con un uomo matura, e finire a inviare foto hard, portare avanti questo gioco proibito ma (come negarlo) decisamente eccitante...
    4 - Date queste premesse, come condannare i genitori? Come condannare la figlia?

    Certo, una buona educazione - ai giorni nostri - dovrebbe presupporre una conoscenza delle suddette tecnologie della comunicazione tramite pc...ma se questa conoscenza non c'è? (E io credo che una buona percentuale di genitori siano ancora totalmente analfabeti...)

    Secondo me questa vicenda (romanzatissima) è un segno di un cambiamento epocale, nelle vite, nella privacy, nella sensualità...

    Mettiamo i maschietti, per esempio, quando non c'era internet la pubertà era costellata di aneddoti più o meno comici riguardanti giornaletti porno, film in cassetta e trasmissioni notturne (guardate di nascosto, col terrore che piombasse il genitore)...e ora? Con internet e le tonnellate di pornazzi disponibili 24h su 24h?

    E per le femminucce, il cambiamento non è vissuto allo stesso modo? (anche se con modalità diverse e, in linea di massima, potenzialmente più pericolose o comunque "delicate")

    ...spunti per un ragionamento sul futuro...

    RispondiElimina
  3. I discorsi attorno al sesso li trovo necessari ma non piacevoli, mi sembrano stupidi quanto il mettersi a discutere su come pulire i carciofi. Sono necessari però per ricondurli alla giusta misura. Nella mia esperienza genitoriale mi sono sempre preoccuapto che i miei figli uscissero sempre con coetanei, che imparassero a dire di no. Per quanto i genitori pretendano di insegnare qualcosa e usano parole più o meno adatte, ai figli arrivano solo i sottotesti. Io un po' ho cercato di lavorare su quelli, per quanto possibile, per quanto capace..
    GD

    RispondiElimina
  4. Siccome ancora non sono genitore posso allegramente parlare in generale, e credo che - in generale - discorsi così (magari non piacevoli e pure stupidi) sono necessari per capire un pò meglio l'umanità del futuro...

    RispondiElimina
  5. Oh ma sempre delle femmine è la colpa? XD Parlando seriamente, la verità è che c'è un vuoto educativo abbastanza esteso. A scuola, e pure in famiglia, si deve parlare di sesso. Lo capisco che non è semplice, io per prima sarei imbarazzatissima. Ma la curiosità negli adolescenti è la cosa più naturale del mondo, e magari fossero curiosi anche gli adulti! le risposte che i ragazzi non trovano a scuola o in famiglia - luoghi entrambi dove il sesso viene spesso demonizzato - vanno a cercarsele su internet, col rischio che qualcuno possa approfittarsene. Io non ci vedo niente di demoniaco, né nelle femmine né nel computer; casomai fatti come quello descritto nel post dovrebbero essere l'occasione per riflettere sulle nostre mancanze in qualità di educatori e farci mettere un attimo da parte i nostri falsi pudori e i moralismi di sorta. Staremmo tutti meglio!

    RispondiElimina