mercoledì 26 febbraio 2014

L'Apocalisse che non ci importa


La cosa più importante dei film di Michelangelo Antonioni è forse quella sensazione che ti resta sulla pelle dopo aver visto il film. Quel senso quasi fisico-sensuale di tempo-che-passa-lento-e-denso, quel qualcosa di indescrivibile di cui durante la visione - che fisicamente-sensorialmente è uno strano misto di godimento e tortura - non te ne rendi conto. Qualcosa di simile (cioè qualcosa-di-molto-significativo-che-ti-resta-dopo-il-film) l'ho provata per i film di Cristopher Nolan, o meglio: per i tre Batman di Nolan. Una sensazione di spaesamento e galleggiamento, di percezione virtuale-alienata-psicotica della realtà. Le scene in questione sono sempre in campo piuttosto lungo: scene di massa, agitazioni, tensioni sociali, paure collettive, folla, un sacco di gente, ma i rumori sono dissonanti e ovattati, mai troppo forti, mai necessariamente troppo coinvolgenti, come se non vivessimo mai davvero quello che succede ma restassimo sempre un pò defilati, con uno strabismo annoiato in fondo all’anima, sempre troppo impegnati in qualcos’altro per occuparci e concentrarci veramente su quello che succede in questo preciso momento, qui e ora. Come l’apocalisse che non ci importa, perchè siamo troppo apatici, troppo blasè, troppo a fondo nell‘indistinto grigio che si è mangiato tutti i colori. Una sensazione comune e - direi - molto attuale. Quel senso di annichilimento e stordimento che deriva dalle grandezze sterminate (bella parola, a proposito: sterminio) avvertite psichicamente con la globalizzazione e il consumismo globalizzato. Ecco a cosa può arrivare a rappresentare il cinema, spinto al massimo nelle sue potenzialità espressive.

Note


1) Su Nolan una volta ho seguito un'interessantissima lezione di Salviano Miceli, che sul regista in questione ha scritto un'interessante monografia. La recensione su Sentieri Selvaggi.


2) Bel post di Filippo Bizzaglia su MinimaEtMoralia.it. Così l'incipit: "I film di Christopher Nolan possiedono tutti – dopo i primi lavori Memento e Insomnia – una loro densa spettacolarità: costruiti meticolosamente sulla carta prima ancora d’essere girati, sono lo sviluppo sistematico e definitivo di un’idea. Il cinema con Nolan fa ritorno alla sua missione originaria, quella di sviluppare l’elemento visuale, e visionario, dell’uomo, quello di essere una sorta di protesi della sua immaginazione, che si attua e concretizza in un dispiegamento di mezzi reali (finanziari, umani) inaccessibili alle altre arti – e più affine, specie per le grosse produzioni hollywoodiane, ai grandi progetti d’azienda.È per questo che il cinema di Nolan si presenta, a differenza di molto altro cinema mainstream, come il prodotto del capitalismo più maturo, dell’evoluzione più esatta e brillante del libero mercato applicato all’arte".


3) Link sparsi:


Scheda di Nolan su TrovaCinema Repubblica


"Una critica al Batman di Nolan tra cinema e fumetto" (BestiMovie.it)

3 commenti:

  1. Io circoscriverei quelle sensazioni alla sola trilogia di Batman... Adoro Nolan e questa saga, ma credo il TOP sia Memento. Da lì mi sono innamorato della sua regia: ho cercato e visto il suo esordio (Following) e anche lì sono rimasto colpito dalla struttura del plot... Poi, via via una carriera in crescendo, con Insomnia, The Prestige e Inception (un capolavoro che se la gioca con Memento). Insomma, la classe non è acqua...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmm forse non hai inteso che "quelle sensazioni" non sono affatto un elemento negativo nell'estetica di Nolan, anzi: sono una delle cose stilisticamente più geniali. Appunto come Antonioni, quel senso di disagio, di repulsione, spesso di noia, è la sua cifra più personale e importante. Riuscire ad esprimere sensazioni così subdole e sfuggenti come quelle che ho provato a descrivere, riuscire ad esprimerle col cinema (in modo volontario o no) è segno della sua importanza come artista in genere. Poi ovviamente è una mia opinione.

      Elimina
  2. Ho sempre amato Batman. L'ho amato molto più con Nolan. Sono uno di quei cazzoni che vanno a dormire con la maglia nera e il logo. Carte false per Nolan + Batman. Semper.

    RispondiElimina